Pungente Selvaggia Lucarelli anche nel momento della proposta di matrimonio di Giovanni Terzi a Simona Ventura: le lacrime di Milly Carlucci e la reazione dei presenti

Un momento di grande commozione per Simona Ventura e Giovanni Terzi, trasformatosi in qualcosa di esilarante per i giudici di Ballando con le Stelle, in particolar modo per Selvaggia Lucarelli e Guillermo Mariotto. Il momento è stato commovente per “quasi” tutti, la stessa conduttrice Milly Carlucci si è emozionata, mentre la giornalista riprendeva la scena della proposta di matrimonio fatta da Terzi alla compagna.

Al termine delle immagini registrate, Selvaggia si lascia sfuggire un lungo “no!” dopo la fatidica domanda di Flavio e poi un sonoro “cringe”: tradotto dall’inglese, “imbarazzante”. Flavio ha fatto una dichiarazione d’amore in diretta: si è preso due minuti scarsi per proporre a Simona Ventura, “la donna della mia vita”, l’unione in matrimonio. Poi ha mostrato l’anello, facendo scoppiare a piangere la conduttrice. Presenti anche i genitori della Ventura, mamma Anna e papà Rino. “Proprio in questo luogo volevo dire una cosa a Simona, la donna che mi ha cambiato la vita e ha accolto tutti i miei difetti. Se il 6 luglio, vuoi diventare mia moglie”, sono state le poche ma dirette parole di Terzi, alle quali ha reagito anche l’ex marito di Simona, Stefano Bettarini.

Simona Ventura e il desiderio di adottare Caterina: “Aveva un mese e mezzo”

Anche la data è stata stabilita, mancava solo l’approvazione di Simona, che non si fa attendere molto: “Sì, va bene”. Quindi il riferimento ironico alla Carlucci: “Milly, che te possino”. Poco prima, la conduttrice aveva parlato dell’amore nei confronti della figlia adottata Caterina, che oggi studia a Londra. “Si comincia facendo un percorso insieme”, ha spiegato una commossa Ventura mentre rivelava le motivazioni del desiderio di avere in affido l’allora piccola Caterina. “Ha bisogno di me adesso”. Al tempo aveva un mese e mezzo, è stata opsitata in casa quando gli altri figli di Simona, avuti con Stefano Bettarini, avevano otto e sei anni: parliamo di Niccolò e Giacomo. “Oggi darei la mia vita per lei”. Serata di grandi emozioni dunque, evidentemente non per tutti i presenti però.

Continua a leggere su Chronist.it