Il rapper partenopeo Geolier parlerà all’Università Federico II di Napoli per un incontro con gli studenti presieduto dal Rettore Matteo Lorito

Geolier fresco protagonista, anche se non vittorioso, dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, terrà un discorso agli studenti dell’Università Federico II di Napoli. Il rapper partenopeo, acclamato al festival canoro dal pubblico, sarà dunque ospite dell’ateneo e del Rettore Matteo Lorito che ha parlato dell’evento a Fanpage.it.

“Per me, Giolier è un talento napoletano, un simbolo della grande creatività di Napoli.” Ha raccontato il Rettore della più antica università laica d’Europa. Che quest’anno, tra l’altro, festeggia 800 anni dalla fondazione. “Io credo che la vicenda di Geolier sia una buona notizia per Napoli. Ha reso ancora una volta protagonista a livello nazionale la valenza artistica della musica napoletana, seppur in termini totalmente nuovi. Nessun altra canzone di Sanremo si può identificare con una regione, come è riuscito a fare lui.”

Geolier è molto amato tra i giovanissimi ed è uno degli autori italiani più ascoltati. Il rapper di Secondigliano, infatti, all’ultima edizione del Festival di Sanremo è stato il più votato dagli spettatori al televoto. E proprio nella giornata di ieri è stato premiato al Maschio Angioino da Gaetano Manfredi, sindaco di Napoli, con la targa della città per il “contributo alla diffusione della conoscenza della cultura napoletana.”

“Abbiamo inaugurato un percorso per promuovere la presenza dell’Università nelle periferie.” Riferisce Lorito a Fanpage.it. “Abbiamo aperto sedi accademiche a Scampia e San Giovanni a Teduccio. Proprio a Scampia, nella nuova sede della Facoltà di Medicina, abbiamo avuto recentemente ospite anche l’attore Salvatore Esposito, il Genny Savastano di Gomorra la serie, per presentare il suo libro. Stiamo cercando di rafforzare la connessione tra il mondo accademico e i giovani del territorio. Geolier, in questo percorso, rappresenta l’esempio di un giovane che, pienamente consapevole delle difficoltà di oggi, grazie al lavoro, alla sensibilità artistica e al talento ha raggiunto risultati importanti.”

Continua a leggere su Chronist.it