Da qualche giorno si è insediato il nuovo AD della Rai, Roberto Sergio e sarebbero in arrivo nuove decisioni Rai, fatte tra spostamenti e conferme di volti e programmi.

In arrivo nuove decisioni Rai, tra spostamenti e conferme. Il nuovo AD della Rai, Roberto Sergio è stato nominato qualche giorno fa e subito si è messo all’opera per creare il nuovo gruppo di lavoro, per la prossima stagione televisiva. Infatti, secondo quanto riporta Dagospia, ci sarebbero in atto nuove decisioni in casa Rai, di volti e programmi. Nella prossima stagione, infatti, una delle conferme sarà il programma condotto da Sigfrido Raucci, Report. Quest’ultimo, pare non possa essere cancellato, ma potrebbe subire una variazione nel palinsesto. Da lunedì a domenica, con un allungamento della sua durata e questo potrebbe comportare uno svantaggio negli ascolti.

Nuove decisioni in Rai, Fazio lascia la rete pubblica

Negli ultimi giorni, è in trend topic la notizia riguardante uno dei capisaldi di mamma Rai e conduttore instancabile, Fabio Fazio. Quest’ultimo, infatti, uscirà di scena e non farà più parte dell’azienda pubblica, per passare a Discovery. Ad ogni modo, l’ipotesi sarebbe quella di spostare Report dal lunedì alla domenica, questo però, potrebbe portare problemi di share, per via dei competitors. Intanto oggi, dovrebbe prendere il posto degli Approfondimenti, Paolo Corsini.

Potrebbe interessarti anche È ufficiale, “Non sono una signora” dal 29 giugno su Rai2, i dettagli

Francesca Fialdini dopo Fazio, lascia la Rai?

Non sarebbero solamente i cambiamenti sopracitati in casa Rai. Con le nuove nomine, infatti, ci sarebbero ulteriori modifiche legate ad altri volti. Come si legge sul settimanale Oggi, ci sarebbero serie possibilità che vedrebbero fuori Francesca Fialdini nei prossimi palinsesti. Anzi, nella domenica pomeriggio di Rai1, ci sarebbe l’ipotesi di optare per Monica Setta, con un nuovo programma tv. Tra in nomi in bilico, anche quello di Serena Bortone con il programma Oggi è un altro giorno. Al momento sono solamente ipotesi.  

Continua a leggere su Chronist.it