La clamorosa storia di Evelyn Miller, la pornostar australiana con l’utero didelfo: “Ho due vagine: una la uso per mio marito, l’altra per il porno. Avevo paura di non diventare mamma”

Evelyn Miller è una donna australiana di 31 anni, che oltre 10 anni fa ha scoperto di avere l’utero didelfo. La pornostar australiana inizialmente non accettava pienamente la sua condizione, soffriva di ansia ed era arrivata al punto di rinunciare alla sua vita sessuale.
Dopo aver lavorato per anni come escort, la donna ha scoperto che quello che poteva sembrare uno svantaggio, si è rivelato in realtà una fonte di guadagno. Dunque, ha deciso di gettarsi nel mondo del porno sul web, prima sul sito di video hard Pornhub e poi sulla piattaforma OnlyFans. Ecco un estratto delle sue dichiarazioni rilasciate al New York Post.

“Ho una vagina per il lavoro e un’altra per la vita privata. Le persone sono davvero curiose: adorano il fatto che io abbia due vagine. Tante donne mi inviano messaggi sulla loro condizione e sulle loro difficoltà. Sono davvero grate nel vedere qualcuno essere così aperto sul tema”.

Potrebbe interessarti: Ostia, torna a casa dopo il lavoro e si ritrova sul set di un film hard: “C’erano almeno 20 persone”

Evelyn e la sua patologia: “Avevo paura di non poter avere figli”

Nella lunga intervista rilasciata al quotidiano americano, Evelyn Miller ha raccontato tutta la sua storia: dalla scoperta della patologia, alle ansie, fino ad arrivare al successo. La donna australiana ha raccontato di aver scoperto l’anomalia nel 2005, quando stava inserendo un tampone nel punto in cui di solito si trova la vagina. Tuttavia, non riusciva a inserirlo correttamente, in quanto la sua uretra si trovava più in basso e dunque ha realizzato che le sue due vagine erano posizionate su entrambi i lati.

A causa di questo disagio, Evelyn ha deciso di rinunciare all’attività sessuale per qualche tempo, ma la svolta è arrivata nel 2011, quando i medici le hanno diagnosticato una versione “estrema” dell’utero didelfo: oltre ai due uteri, infatti, Evelyn ha anche due cervici, due vagine e due serie di ovaie.

Questa patologia può causare infertilità: pertanto, inizialmente Evelyn ha temuto di non poter avere figli, come ha dichiarato.

“C’è sempre un rischio perché potrei rimanere incinta di due bambini contemporaneamente. Quando ero in attesa, avremmo dovuto usare il preservativo se avessimo voluto fare sesso con l’altra vagina.

Fortunatamente, non c’è stata alcuna complicazione ed Evelyn, tra il 2020 e il 2021, ha concepito due bambini Andrew e Georgia, rispettivamente di 20 e 8 mesi, entrambi nati dall’unione con il marito Tom.

Alcune donne non sono possono avere figli. Penso di essere stata molto fortunata” .

Ha dichiarato la pornostar australiana. Proprio insieme a suo marito, Evelyn nel 2018 ha aperto il suo canale OnlyFans, che le ha letteralmente cambiato la vita: migliaia di persone si sono abbonate, incuriosite dalla sua storia e, soprattutto, dai suoi contenuti.

La piattaforma mi ha dato l’opportunità di sensibilizzare sull’utero didelfo“.

Ha concluso Evelyn, la quale, tra i video su Pornhub e filmati e foto su Onlyfans, oggi guadagna circa 12mila dollari al mese.

Potrebbe interessarti: Fabrizio Corona e le sue storie con gli uomini: “Sono trasgressivo, un assaggio l’ho dato a chiunque”

Che cos’è l’utero didelfo, la patologia che ha cambiato la vita di Evelyn

La vita di Evelyn è stata letteralmente sconvolta dalla scoperta di avere due vagine.
Ma che cos’è l’utero didelfo, cosa comporta e quanti sono i casi?

L’utero didelfo, o doppio utero, è una possibile malformazione uterina, caratterizzata dalla presenza di due distinti corpi dell’utero, due cervici separate e, spesso, anche due vagine. Nonostante la presenza di due corpi uterini, le tube di Falloppio sono comunque due, una per ogni corpo. Quest’anomalia può associarsi ad altre malformazioni, come l’agenesia renale e la doppia cervice uterina e/o vagina. In alcuni casi, l’utero bicorne può provocare dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia) e dismenorrea. L’utero bicorne ha una prevalenza dello 0,4% nella popolazione generale, del 1,1% nelle donne con problemi di infertilità, del 2,1% nelle donne che hanno sofferto un aborto e del 4,7% nelle donne con infertilità e aborto.

Continua a leggere su Chronist.it