Morta la nonna di Levante, la cantante sul suo profilo ha postato una foto con una dedica: “Lascia dentro di me un grandissimo vuoto”.

Potrebbe interessarti anche Graziella Lopedota, manager di Silvia Toffanin: “Invitata a Sanremo 2023”

Morta la nonna di Levante, la cantante sul suo profilo Instagram, ha postato una foto con nonna Rosalia: “Ho pianto così, pensando alla nonna nel suo letto, legata alla vita, nonostante tutto. Oggi è morta la nonna Rosalia. Oggi muore tre volte mio padre. Lascia dentro di me un grandissimo vuoto ma nulla confrontato all’amore, alla forza, all’orgoglio con il quale ha sorretto la mia famiglia. Grazie amore mio, ti bacio sul collo dandoti un po’ di fastidio, come facevo sempre”.

Claudia Lagona in arte Levante, non ha mai fatto mistero di quanto lei fosse legata a sua nonna. Diverse volte è stata, infatti, protagonista nelle sue storie di Instagram, quando la cantante andava a trovarla a casa. Subito dopo l’annuncio della triste notizia, molti colleghi e amici si sono uniti al suo dolore: “Condoglianze ti abbraccio forte”, “Ti abbraccio forte”, “Nonna tesoro”, “Un abbraccio grande grande claudia”, “Che brutta notizia…riposa in pace, nonna Rosalia”.

La cantante nel post, ha conclusoricordando quando a sua nonna ha annunciato la partecipazione al Festival di Sanremo: “Nonna, a febbraio vado a Sanremo! M’ha taliari!!!” “Se, se!”.

Levante è sempre stata molto legata alle sue radici e alla sua famiglia, tra poco sua figlia Alma Futura festeggerà un anno e, in un’intervista al Corriere della Sera, ha raccontato di non essere stata alla ricerca della maternità di aver scoperto di aspettare un figlio al terzo mese: “Non ho cercato di diventare madre e ho scoperto tardi di essere incinta, al terzo mese. Avevo paura fosse invalidante. Se fosse stato diverso mi sarei buttata giù probabilmente, l’avrei vissuta male. Invece ho cercato di non cambiare nulla intorno a me”.

Levante ha proseguito, sottolineando di auspicare che sua figlia assomigli caratterialmente al padre, Pietro Palumbo, poiché lei non ha vissuto un’infanzia particolarmente felice, a causa anche della prematura scomparsa del padre: “Sto pregando tutti i giorni perché lei non mi somigli e somigli al padre. Io sono nata prepotente e poi a nove anni, dopo la morte di mio padre, sono diventata una bambina addolorata. Quando mio padre muore, mi crolla addosso la famiglia, ognuno prende la sua strada, viviamo momenti molto bui e io divento la madre di mia madre. Sono cresciuta più introversa”.