Kyle Morley, 29enne di Leicester, ha ucciso di botte un suo amico, David Bettison dopo averlo scoperto in un’auto in un parcheggio, intento a fare sesso con la ex. L’uomo ha dichiarato che la sua reazione smodata era dovuta all’assunzione di alcol e droghe. È stato condannato a 18 anni di carcere.

I fatti

Secondo la ricostruzione delle autorità britanniche, l’uomo era intento a tornare a casa, quando è stato attratto da un’auto che conosceva molto bene, quella del suo amico David Bettison. Il veicolo era posteggiato nel mezzo di un parcheggio e l’uomo ha deciso di avvicinarsi all’auto, per vedere se ci fosse qualcuno dentro. Tuttavia, ciò che ha visto esulava da ogni sua immaginazione: infatti tra i vetri appannati ha visto il suo amico mentre faceva sesso con la sua ex fidanzata.

Potrebbe interessarti anche: Bimbo di 2 anni intrappolato nello scuolabus: ritrovato senza vita 8 ore dopo

La vittima, uccisa di botte dall’amico, era già morta all’arrivo delle autorità

Accecato dalla rabbia e dai fumi dell’alcol e delle droghe che aveva assunto, Kyle Morley ha aggredito prima lei, pestandola a sangue. Poi è passato all’amico che ha ucciso di botte. Secondo la ricostruzione delle autorità, la vittima non avrebbe opposto alcuna resistenza ma ciò non ha fermato la furia dell’assassino. Purtroppo per David Bettison, all’arrivo dei soccorsi non c’era già più nulla da fare e i medici non hanno potuto fa altro che accertarne il decesso. Dopo l’arresto, invece, il killer ha tentato di giustificarsi adducendo come scusa quella di aver assunto droghe e alcol in ingente quantità. Il tribunale lo ha condannato a 18 anni di carcere.

Continua a leggere su Chronist.it