Giovanni Veronesi è uno sceneggiatore, regista, conduttore radiofonico e attore e durante la sua carriera ha scritto sceneggiature per Leonardo Pieraccioni, Carlo Verdone, Francesco Nuti e Massimo Ceccherini. Infatti proprio con Francesco Nuti, ha instaurato un rapporto di amicizia molto forte e solido e in un’intervista rilasciata da Veronesi al Corriere della Sera, ha parlato del suo grande amico Nuti e di quanto lo abbia aiutato nel suo lavoro: “Lui non fa parte della mia famiglia, ma è come se fossimo fratelli. Se non ci fosse stato lui il mio mestiere non sarei riuscito a farlo in questo modo, entrando dalla porta principale. A parità di talento ne ho visti tanti rimanere al palo, io non mi reputo Kubrick, so benissimo quali sono miei limiti. Sono stato aiutato un po’ dalla fortuna e molto da Francesco, che nei primi anni della mia carriera mi ha spalleggiato, mi ha prodotto film, me li ha fatti scrivere”.

Un’amicizia così intensa che Giovanni Veronesi non ha mai abbandonato il suo amico e non ha mai rinunciato ad andare a trovare Nuti in clinica: “Non sono sicuro, ma la speranza è talmente tanta che esco sempre soddisfatto. E poi lui sorride, mi guarda, alle volte spero che non capisca perché ho paura che possa soffrirne”.

Francesco Nuti

Potrebbe interessarti anche Renato Pozzetto sta meglio: “Grazie a tutti per il pensiero. Tutto bene! Taaac”

L’incidente di Francesco Nuti

Francesco Nuti è un regista, attore, sceneggiatore e produttore cinematografico, ma ha dovuto affrontare diversi momenti difficili nella sua vita a causa di un incidente domestico avvenuto il 3 settembre 2006. L’attore pare sia precipitato dalle scale di casa sua, provocandogli un ematoma cranico e in seguito l’entrata in coma, tanto da essere operato d’urgenza alla testa. Il 24 novembre dello stesso anno, è uscito dal coma ed è stato trasferito in un centro specializzato di riabilitazione neuromotoria. A maggio 2007 diverse testate, hanno riportato la notizia in merito al miglioramento clinico di Nuti e la possibilità che potesse ritornare a camminare. Infatti un anno dopo, l’ex compagna dell’attore Annamaria Malipiero, con la quale Nuti ha avuto una figlia, Ginevra, ha fatto sapere che l’attore era stato dimesso dall’ospedale e poteva continuare la riabilitazione.

Nel 2009 il fratello di Nuti, Giovanni, rilascia un’intervista al quotidiano La Nazione, annunciando il ritorno dell’attore nella propria abitazione. Successivamente lo stesso Giovanni Muti nella trasmissione I fatti vostri in onda su Rai2, ha spiegato i danni neurologici conseguenti all’incidente e all’incapacità di muoversi e parlare di suo fratello. Nonostante ciò Francesco Muti non ha mai mollato, poiché è forte e tenace, ma il 21 settembre 2016 è stato ricoverato d’urgenza in gravissime condizioni presso il CTO di Firenze, in seguito ad una seconda caduta. La figlia Ginevra nel luglio 2019, ha deciso di diventare il tutore legale di suo padre Francesco e in un’intervista al Corriere della Sera ha dichiarato: “Francesco è e sarà sempre il mio papà anche se non può più parlare, muovere le mani e camminare ed è giusto che mi occupi di lui”.

Continua a leggere su Chronist.it