Vanessa Gatti è morta insieme a Roberto Biancon in Val Formazza, a inizio gennaio: la sua cagnolina Eos le era rimasta accanto per tutto questo tempo

Sono purtroppo terminate le speranze per Eos, la cagnolina di Vanessa Gatti. La 30enne escursionista era stata travolta da una valanga il 7 gennaio scorso insieme a Roberto Biancon in Val Formazza. E dopo 5 mesi di ricerca è stato comunicato, da un’amica della vittima, il ritrovamento del corpo del cane. “EOS è stata ritrovata. Riposa in pace piccolina insieme alla tua Vane. Grazie a tutti per gli aiuti in questi mesi.
Per esserci stati anche solo con il pensiero o una condivisione.” Ha scritto l’amica di Vanessa su un post pubblicato su Facebook. Aggiungendo alla triste notizia alcuni scatti della cagnolina.

La principale speranza da parte di chi la conosceva è che poco prima che la valanga travolgesse la sua padrona si fosse allontanata. Ma lo scioglimento del manto innevato ha permesso di confermare il suo destino comune con quella di Vanessa. Entrambe sono morte una vicina all’altra. Vicine fino all’ultimo.

Eos era una cagnolina di circa 4 anni che proveniva dalla Sicilia. Era stata trasferita al canile di Grignano per poi venire affidata a Vanessa Gatti, che se ne prese cura come fosse di famiglia. Fino a diventare la sua fedele compagna di vita.

Continua a leggere su Chronist.it