La spiacevole avventura di una coppia di fidanzati

Immaginate di fare una vacanza romantica a Parigi, con la vostra metà, e mangiare in uno dei ristoranti più rinomati della capitale francese, ma che la vostra cena si trasformi in un vero e proprio incubo.
È quanto accaduto alla tiktoker Jocedub, che in un video ha raccontato la sua esperienza non proprio memorabile.
“Siamo andati in un ristorante stellato pensando di vivere un’esperienza culinaria con cibo eccellente, servizio impeccabile a un prezzo adeguato. Peccato che non sia andata così” – racconta la ragazza.
Lei è una pasticciera, il ragazzo un sommelier: dunque, sono appassionati di cucina e non vedevano l’ora di gustare una cena a lume di candela nella meravigliosa Parigi.
Ma, appena arrivati al ristorante, ecco i primi problemi.

Cena da incubo a Parigi: “Non volevano farci sedere”

“Siamo arrivati al ristorante che avevamo prenotato tempo prima segnalando anche le intolleranze, eravamo vestiti eleganti e felici. Quando abbiamo visto un tavolo libero ci siamo seduti, ma in quel momento sono cominciati i problemi” – continua la ragazza.
Secondo la sua versione, il cameriere si è avvicinato a loro furioso dicendo che non avevano prenotato e non potevano semplicemente sedersi. Poco dopo è arrivato un manager a rincarare la dose. “Gli ho spiegato che non potevo confermare la prenotazione perché sarei stata in volo dagli Stati Uniti, mentre il ristorante mi diceva che la mia prenotazione era stata annullata”.
Dopo diversi minuti di discussione, il manager ha desistito e gli ha concesso il tavolo.

Potrebbe interessarti: Pranzo per 9, il conto sciocca il web: 180 €. Cosa hanno mangiato?

“Mi hanno fatto pagare 200 euro in più”

Ma le disavventure non finiscono qui. Infatti, il ristorante ha applicato un sovrapprezzo sui vini.
“Invece di portare quelli del menù degustazione ci hanno proposto dei vini diversi che ci sono costati 200 euro in più sul conto. Il mio fidanzato è un sommelier, quindi conosciamo bene il giochetto che hanno fatto” . prosegue la tiktoker.
Infine, come se non bastasse, il dolce. “Non l’ho potuto mangiare: prima mi hanno detto che non avrebbero potuto darmelo per la mia intolleranza, smentendo il fatto che avevano cancellato la mia prenotazione con le intolleranze. Poi, quando abbiamo scoperto che non ero intollerante, mi hanno detto che ormai la cucina era chiusa” – ha concluso. Il costo totale della cena è stato di 1500 euro.
La ragazza non ha voluto fare il nome del ristornate parigino, sebbene in molti nei commenti glielo avessero domandato.

Continua a leggere su Chronist.it