Marco e Eva, continuano a guardare le foto della loro amata figlia di appena 5 mesi, morta per meningite lo scorso 1° novembre. Entrambi i genitori della piccola sono infermieri e a maggior ragione per questo non si danno pace per non essersi accorti che dietro quella febbre, tosse e rigidità muscolare, si nascondeva ben altro rispetto a una normale influenza. Leda, infatti, è morta a 5 mesi per una meningite. I genitori, nonostante il dolore immenso, hanno deciso di donare gli organi della piccola.

La ricostruzione della tragedia

“In un primo momento sembrava una bronchiolite, tant’è che le era stata somministrata della tachipirina. Quando, però è salita la temperatura ci siamo allarmati”, continua a dire il papà. Tuttavia, nonostante la disperata corsa in ospedale, per la piccola Leda non c’è stato nulla da fare ed è morta di meningite. “Il nostro piccolo cigno, come amavamo chiamarla, è volato in cielo. Il suo sorriso è stato spento per sempre da una meningite batterica”, ha raccontato Marco.

Potrebbe interessarti anche: Pierpaolo Scanu, il professore preso a testate dal papà di un alunno: “tornerò a insegnare”

L’assenso per la donazione degli organi di Leda, la bimba morta di meningite

La mamma e il papà di Leda, morta di meningite, nonostante il dolore immenso, hanno dimostrato grande sensibilità quando hanno dato l’assenso per la donazione degli organi della piccola. “Leda è venuta al mondo per dare la vita”, hanno dichiarato. Gli organi della neonata, infatti, salveranno la vita di 4 bambini, 2 di Padova e 2 di Torino. I funerali della piccola di 5 mesi invece, si sono tenuti il 7 novembre della chiesa di Bresseo Treponti.

Continua a leggere su Chronist.it